Anatra all’arancia

image

Caneton o canard à l’orange, conosciuto come piatto tradizionale francese, in realtà ha origini tutte italiane. Toscane e , in particolare fiorentine. Arrivò infatti a Parigi a metà del Cinquecento con le brigate di cuochi che la regina italiana Caterina De’ Medici aveva fatto venire da Firenze. Portando così grandi cambiamenti nella cucina francese del tempo.

image

Caterina De’ Medici, andata in sposa a Enrico II di Francia, influenzò molto i gusti, gli usi e i costumi della corte e dei francesi. Anche a tavola. Introdusse, ad esempio, l’uso della forchetta e la separazione tra piatti salati e dolci.
A quel tempo, a Firenze l’anatra all’arancia veniva chiamata “paparo alla melarancia”. La ricetta fu “esportata” e conobbe  “fortuna” in Francia, trasformandosi in quel piatto delle feste noto oggi.
Chissà se fu servito anche in un celebre banchetto del 1549 per la città di Parigi, quando ogni portata era divisibile per tre? (La regina era molto superstiziosa)
E perché non portarlo in tavola magari anche oggi, in una piovosa domenica d’inverno? Colorando più semplicemente la nostra cucina e la nostra tavola?

Ingredienti
Anatra già sventrata, fiammeggiata e lavata
5-6 arance
Un limone
Mezzo bicchiere di cognac
Sale e pepe qb (anche per insaporire l’interno)
Una noce di burro
Olio extravergine d’oliva

Preparazione
Legare sull’anatra tre fette di arancia. Mettere in un tegame le scorze di arancia e limone con olio e burro. Far appena rosolare l’anatra per farla insaporire. Irrorarla con succo d’arancia, cognac, sale e pepe. Metterla nel forno caldo a 200 gradi per circa un’ora e mezzo. Continuando a spruzzarla dolcemente con il succo e bagnandola con la salsa che si forma.
Se volete amplificare l’effetto agro-dolce, strofinate due zollette di zucchero su un’arancia, poi mettetele in un pentolino con 2 cucchiai di aceto e preparate la salsina che potrete aggiungere alla fine o nei piatti.
Non amo la preparazione ripiena, la preferisco semplice e appena insaporita con sale e pepe.
Potete accompagnare l’anatra all’arancia con patatine glassate.

Nel pomeriggio, un film da rivedere in casa: “L’anatra all’arancia” del 1975 di Luciano Salce. Con Ugo Tognazzi-Livio che prepara questo piatto.

Advertisements

14 thoughts on “Anatra all’arancia

  1. Francesca molto interessante quello che hai scritto, il piatto l’ho gustato in crociera, e’ particolare, il film, beh Tognazzi che cucina, mitico, un bacione e buona domenica!!!Laura.

  2. Ah questa storia, non ne avevo idea! Sapevo che Caterina de’Medici aveva “portato” il profitterol in Francia, ma non ” il papero”! Dunque doppiamente grazie per la ricetta e per la storia!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s